Israele: black list per i siti di gioco online stranieri




La settimana scorsa, la polizia Israeliana ha visitato fatto visita agli Internet Service Providers (ISPs) e ha imposto di bloccare l’accesso ai siti di gioco, presenti in una black list consegnata nella stessa circostanza, questo secondo una notizia riportata dal giornale Haaretz la settimana scorsa, nel Paese questa operazione avviene per la prima volta.

Il blocco agirà sugli indirizzi IP (Internet Protocol) associati ai siti di gioco stranieri; le forze dell’ordine impedirebbero, secondo le direttive ricevute, l’attività di gioco online illegale per lotterie e gioco d’azzardo, così come riportato dalla Sezione 224 del Codice Penale.

L’ordine è stato firmato dal Gen. Bentzi Sau, comandante della polizia del Distretto Centrale, ma non sono trapelati ulteriori dettagli su o come sia stata compilata la black list; tra i siti da oscurare ci sono boomaker di grande prestigio nel mondo delle scommesse e dei casinò, come Victor Chandler.

Immediato l’effetto del blocco dei siti internet stranieri attraverso gli ISPs, gli stessi hanno comunque sottolineato che un blocco effettuato su uno indirizzo IP specifico può essere bypassato con facilità, evidenziando che l’azione posta in atto per arginare l’attività di gioco sui siti illegali si rivelerebbe inefficace, ma questo non ha cambiato la contromisura posta in atto dal comandante Haarettz e dalle forze di Polizia.