Andalusia: l’Once denuncia le lotterie illegali che sfruttano la disabilità




L’organizzazione nazionale dei ciechi in Spagna (Once), avvia un’azione contro il gioco illegale. Spesso il boom di vendita di giochi va di pari passo alla crisi economica, sono molte le persone che rincorrono la fortuna sperando in una vincita che cambi la propria vita, e che in alcuni casi che gli permetta di uscire da situazioni di estrema precarietà. Questo tipo di situazioni vedono il fiorire di vere e proprie truffe come ad esempio le lotterie in aiuto alle persone disabili. Secondo i dati raccolti dalla Once, il 36% di tutto il gioco d’azzardo illegale in Spagna si concentra in Andalusia, nella sola provincia di Cadice ben il 28% del totale.

Patricio Cárceles, delegato dell’Once territoriale in Andalusia, ha dichiarato:“È endemico, quasi culturale, un problema strutturale”. Il lavoro del consiglio per contrastare queste reti viene apprezzato dall’organizzazione, che però, non si esime dal criticare una certa ” passività” della polizia locale, nonché dei consigli comunali che dovrebbero lottare in modo più deciso per contrastare questo fenomeno; nella sola Cadice il gioco illegale sembra aver mosso oltre 20 milioni di euro nel 2009.

La conseguenza di queste truffe, hanno portato un calo delle vendite di quasi l’8% per le lotterie legali dei disabili; lo stesso Cárceles ha dichiarato:“Vengono imitati i biglietti della lotteria, e così si cerca di sfruttare l’immagine della disabilità per svolgere un’attività illegale”.