Storia del gioco Roulette




La roulette è un gioco la cui storia più che centenaria non teme di passare di moda anzi, ancora oggi attrae tantissimi giocatori di casinò che la considerano la regina dei giochi.

Vediamo quali sono le origini della roulette, e perchè curiosamente viene considerata il gioco del diavolo.

Il concetto di roulette risalirebbe al tempo dei romani, quindi a più di 2000 anni fa. Sembra che i soldati romani per divertirsi facevano girare una pallina sullo scudo sostenuto dalla punta della lancia. La storia della roulette conta piccoli e grandi nomi tra i suoi appassionati come quelli di famosi scenziati che ne studiavano le strategie o di nomi comuni di giocatori che hanno tentato di tutto per battere il casinò!

La prima Roulette di Pascal e Louis Blanc

Molti concordano che la prima Roulette fu inventata nel 1655 come una macchina dal moto perpetuo dallo scienziato francese Blaise Pascal, conosciuto per le sue ricerche nel campo delle probabilità. “Piccola ruota” questo è il significato di Roulette che deriva dal francese. Modificata nel 1842 con l’aggiunta dello 0 da Francois e Louis Blanc. Il gioco, considerato illegale nella Francia del 1800 vede il suo primo prototipo distribuito in Germania.

Fu Fracois Blanc che riusci a portare questo gioco sino al casinò di Montecarlo che in seguito divverrà  uno dei casinò più famosi nel mondo anche grazie proprio ai lussuosi tavoli da roulette.

Alcuni casinò in cui giocare alla roulette online

Il gioco del diavolo

Secondo la leggenda, si dice che il diavolo condivise i segreti della Roulette e in cambio cambio chiese le anime dei due scenziati. Questa sinistra interpretazione storica si fonderebbe sul fatto che Francois Blanc nel costruire la roulette si consultò con il diavolo; se si sommano i numeri da 0 a 36 il risultato è 666…il numero del diavolo! Questa leggenda aggiunge indubbiamente del misticismo al gioco che lo rende ancora più interessante.

Aforismi sulla Roulette

Non puoi battere la roulette, a meno che non rubi direttamente il denaro dal tavolo. Albert Einstein, fisico.

La corsa dei cavalli è una roulette animata. Roger Kahn, autore.

Innumerevoli prove ci dicono che Dio è stato un accanito giocatore d’azzardo e che l’universo è un immenso casinò, in cui si gioca a dadi e la roulette gira in tutti i momenti. Stephen Hawking, fisico.

A Las Vegas, ho intrapreso una lunga discussione con l’uomo della roulette su cosa consideravo essere un numero dispari. Stephen Wright, attore comico.

Vincitori e perdenti al tavolo della roulette

La storia della roulette resta comunque un gioco d’azzardo basato essenzialmente sulla fortuna e la sua storia è costellata da grosse vincite e grosse perdite. Nonostante la reputazione di gioco a rischio, sono molti i giocatori che hanno rischiato tutto il loro capitale in un giro di ruota. In uno dei casi più singolari della storia della roulette, ci fu un tale che mise da parte tutti i suoi risparmi per più di tre anni oltre 200.000 $ – e un giorno decise fare una scommessa da brivido; tutto sul Rosso in un unico giro di roulette. La pallina si arresto sul sette rosso e l’uomo, fortunato, raddoppiò il suo capitale. Ma altri meno fortuanti persero molitissimi soldi.

Ovviamente per giocare alla roulette non è necessario scommettere grosse cifre, infatti online si può anche puntare solo 0.10 per giro divertendosi senza correre il rischio di perdere tutti i soldi. La roulette online può offrire ai giocatori esattamente le stesse sensazioni della roulette reale. E al croupier non c”era neanche il bisogno di dare la mancia!

Fatti e misfatti nel gioco Roulette

Molti giocatori di roulette un pò particolari hanno utilizzato metodi incredibili per battere il casinò. Nei primi anni 70, alcuni di questi con conoscenze fisiche e informatiche inventarono un sistema mirato alla misurazione della velocità  della ruota e della palline tramite un apparecchio istallato nelle scarpe!. Avrebbero utilizzato volentieri questi apparecchi addirittura con la pressione delle dita dei piedi per prevedere la zona della ruota in cui la pallina si sarebbe fermata, ma il tentativo fu stroncato.

Recentemente nel 2004, un altro gruppo di uomini tento un approccio altrettanto particolare al gioco roulette precisamente in un casinò Londinese. Usando un radar occultato nel telefono cellulare cercavano di individuare in quale zona della ruota la pallina avrebbe terminato il suo giro. Anche questo tentativo di truffa venne scoperto e l’industria del gioco d’azzardo proibi l’uso dei cellulari nei casinò come dispositivo per la misurazione e il conteggio di carte etc..